domenica 13 luglio 2014

Robot 71



"Robot" è una rivista di fantascienza ricca e varia nei contenuti, che vede il suo pezzo forte negli articoli inframmezzati ai numerosi racconti i quali, è lieto dirlo, sono in gran parte opera di scrittori italiani.
Quest'anno "Robot" ha vinto il Premio Italia 2014 in qualità di migliore rivista di fantascienza, anche se non è certo la prima volta che accade.
"Robot 71" (primavera 2013) apre con un editoriale rivolto ai lettori di tutta la penisola ricordando loro che non sono esenti da responsabilità sullo stato del mercato fantascientifico italiano.
I racconti contenuti nel n. 71 sono come sempre piacevoli da leggere seppure anch'essi variano molto nei contenuti e nello stile, per questo motivo possono essere più o meno apprezzati dai differenti gusti dei lettori. Sui racconti non c'è molto di nuovo da dire se non che, quando gli italiani ci si mettono, dimostrano di saper scrivere della fantascienza che non ha niente da invidiare agli autori stranieri.
Nella rubrica dedicata alle polemiche Gianfranco de Turris pone alcuni accenti sul ruolo sempre più inquietante che sta assumendo internet nelle nostre vite. L'opinione, adeguatamente spiegata e giustificata come l'autore sa fare, mette in guardia sull'uso del Web e in maniera fanta-sociologica immagina cosa potrebbe diventare internet nel prossimo futuro e cosa, probabilmente, è già diventato. In ogni caso uno dei tanti messaggi dell'articolo è quello di usare internet responsabilmente. Per chi rimanesse soddisfatto dall'articolo e ne volesse leggere altri dello stesso autore, la lettura di Cronache del Fantastico (Coniglio Editore, 2009), che raccoglie i suoi scritti pubblicati su "L'Eternauta" dal 1988 al 1995, è quello che ci vuole.
Nello spazio dedicato alla critica abbiamo il piacere di leggere due articoli firmati da Salvatore Proietti e Alessandro Fambrini, l'uno dedicato al fenomeno Neuromante e al cyberpunk, l'altro dedicato alla figura dello scrittore e noto direttore di Astounding/Analog John W. Campbell. In Urania Collezione è reperibile in ebook la piccola antologia Luna d'Inferno dello stesso Campbell, che include il suo racconto più famoso dal titolo "La cosa da un altro mondo" (a sua volta reperibile singolarmente nella serie ebook Bus Stop della Delos).
Immancabile Giuseppe Lippi, che stavolta presenta al pubblico la serie di Enderby di Anthony Burgess, in vendita in tutti i siti col titolo The Complete Enderby, ma solo in lingua inglese, senza attenuare per questo le morse della curiosità conseguenti alla lettura dell'articolo del curatore di Urania che, in questo numero di "Robot", qualche pagina avanti, è oggetto di un'intervista.
Vittorio Catani ci regala una doverosa presentazione di Pierfrancesco Prosperi nella rubrica "Retrofuturo" dedicata agli autori italiani storici e che include ogni volta anche un racconto degli stessi.
Non poteva mancare l'articolo (a cura di Martina Frammartino) sul fenomeno Game of Thrones, fiction tratta dalla saga di George R. R. Martin ed entrata ormai nel cuore di migliaia di telespettatori.

In sintesi, anche questo numero di "Robot" contiene esattamente quello che ci si aspetta di trovare al momento dell'acquisto. La rivista si conferma quale punto di riferimento per moltissimi appassionati.

Flavio Alunni

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...