mercoledì 17 settembre 2014

I diabolici: all'origine del cinema noir


Era da tempo che volevo parlare di questo noir francese anni '50 diretto da Henri-Georges Clouzot e tratto dal romanzo di Pierre Boileau e Thomas Narcejac.
La storia è abbastanza inquietante. Siamo in un collegio per ragazzi e la moglie del direttore si accorda con un'altra donna per l'uccisione del marito che, potendolo dire con tutta franchezza, è un gran farabutto. Così lo drogano e lo affogano nella vasca, poi lo buttano in piscina durante la notte per mascherare l'omicidio come una normale morte per annegamento.
La mattina dopo però il cadavere non viene a galla e le due donne cominciano ad avere dei timori. Per farlo scoprire, fanno cadere "per sbaglio" un mazzo di chiavi dentro la piscina e dicono a uno dei bambini di tuffarsi per raccoglierle. Quello si tuffa, ma del cadavere nessuna traccia. 
Allora le due assassine fanno vuotare la piscina e, con grande spavento, scoprono che il morto non c'è più.
Seguiranno giorni davvero angoscianti per tutte e due. Da quel momento ogni minuto che passa rischierà di fargli venire un infarto per la paura.
Nel frattempo, la moglie si reca speranzosa all'obitorio del paese dopo aver letto del ritrovamento di un uomo deceduto lungo il fiume. Ma purtroppo per lei, il corpo non è quello del cattivo marito. 
Non si accorge, tuttavia, che all'obitorio bivacca un anziano detective in pensione alla ricerca di casi interessanti da risolvere...

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...