sabato 20 settembre 2014

In viaggio con Doctor Who: (2x00) The Christmas Invasion


E' la vigilia di Natale a Londra.
In casa, Jackie prepara l'albero di Natale e sistema il regalo per Rose, sperando che la figlia ritorni in tempo per le feste. Nell'officina in cui lavora come meccanico, Micky aspetta la ragazza che ama e che continua a lasciarlo, senza perdere la speranza che un giorno lei ritorni per restare.
I loro desideri, così come i desideri degli spettatori che sono rimasti in sospeso nel finale della prima stagione, vengono esauditi nel più strano dei modi.
Il Tardis si schianta in strada facendo un gran fracasso, e ne esce un uomo. È vestito come il Dottore, ma non è la stessa persona. Augura un buon Natale a Jackie e Micky, più stupefatti che mai, e poi perde conoscenza tra le loro braccia.
Pochi secondi dopo li raggiunge Rose, scura in volto e silenziosa. Incrocia gli sguardi di sua madre e del suo ex ragazzo, pieni di domande, ma non sa dare loro una risposta.
Chi è questo? Dov'è il Dottore?”

“E' qui. È lui il Dottore” risponde Rose. Tutto è cambiato, e la ragazza non sembra esserne contenta.


Affrontare una rigenerazione non è mai semplice. Ormai gli spettatori si erano abituati al volto di Nine, al suo carattere, e il primo istinto di chiunque guardi Doctor Who è quello di rifiutare a priori una nuova rigenerazione – la decima, in questo caso - dando per scontato che il nuovo Dottore non sarà mai all'altezza di quello che lo ha preceduto. Dire addio ad un Dottore fa male, è inutile negarlo, ma in questo sta uno dei punti forti dello show: la storia non finisce mai. Continua a rinnovarsi senza sosta. Quindi non bisogna fermarsi davanti ai pregiudizi, perché ogni Dottore ha qualcosa da offrire, una storia da raccontare, un'emozione da lasciare.

Tornando alla trama, Rose è preoccupata perché il Dottore sta male, è incosciente, e lei non può fare altro che metterlo a letto e sperare che guarisca da solo.
Nel frattempo, Harriett Jones (che avevamo incontrato nella doppia puntata Alieni a Londra) è diventata il Primo Ministro inglese in quella che viene chiamata l'Età d'oro del paese; sotto il suo patrocinio è stata lanciata una sonda spaziale di nome Guinivere One, e sui notiziari non si parla d'altro che del suo prossimo atterraggio sul suolo di Marte, a cui mancano poche ore.
Micky e Rose decidono di fare spese in un mercatino natalizio, nel tentativo di distogliere la ragazza dai suoi cupi pensieri. Ma la sua preoccupazione non fa che aumentare perché, nel bel mezzo della folla, un gruppo di inquietanti e misteriosi robot vestiti da Babbo Natale sparano loro addosso creando il panico. L'attacco non si esaurisce nemmeno quando i due raggiungono l'appartamento di Jackie, dove l'albero di Natale si rivela essere un congegno rotante telecomandato che, tanto per dare un chiaro messaggio, si mette a distruggere i mobili per dimostrare quanto sia letale.
Aiutami” sussurra Rose all'orecchio del Dottore, che adesso presenta il volto dello straordinario David Tennant. E anche se è ancora troppo presto, anche se non dovrebbe ancora riuscire ad alzarsi per gli effetti della recente rigenerazione, per pochi minuti il Dottore risponde alla chiamata. Questo, almeno, non è cambiato.
A Ten basta un'occhiata e una scansione con il cacciavite sonico per riconoscerli.
Pesci pilota” commenta, prima di riaccasciarsi a terra privo di sensi. Una rapida ricerca su Internet fornisce a Rose, Jackie e Micky ciò che c'è da sapere: i pesci pilota sono piccoli animali che di solito nuotano accanto agli squali, nutrendosi degli avanzi dei loro pasti. Erano lì perché avevano fiutato l'energia residua della rigenerazione del Dottore, utile per ricaricare le loro astronavi, ma il messaggio che portano è più inquietante. Qualcosa sta arrivando, qualcosa di molto più grosso, e il Dottore, almeno per il momento, è fuori gioco.

Come a dare ragione alle loro congetture, a mezzanotte Guinivere One manda in diretta la sua prima trasmissione in assoluto, in onda su tutti i notiziari, e le immagini non vengono dalla superficie di Marte. La trasmissione invece mostra al mondo un volto alieno, un volto che neanche Rose ha mai visto prima, e la Terra intera risuona del suo ruggito.
Nel giorno di Natale l'umanità è nel caos, e un'enorme astronave aliena scende su Londra rimanendo sospesa nel cielo: sono un intero popolo, i Sycorax, e sono venuti per conquistare il pianeta. E con il Dottore ancora privo di conoscenza, le sole che possono fermarli sono Rose e Harriett Jones – che avevamo conosciuto come una donna pratica, decisa, coraggiosa e attenta al bene delle persone. Non è cambiata affatto, ma come Primo Ministro ha acquisito una consapevolezza nuova; sa che gli alieni esistono, e minacciano la Terra più spesso di quanto non si pensi. Sa anche che il Dottore non sarà sempre presente per salvare il mondo. Perciò, il suo primo e unico pensiero è che l'umanità impari a cavarsela da sola... a qualunque costo.

In questa puntata il Dottore rimane una figura un po' marginale, in quanto compare davvero solo nell'ultima parte – anche se c'è da dire che il suo è un ingresso in scena col botto, decisamente sopra le righe. Il vero nucleo narrativo non sono gli alieni, ma gli umani. E nello specifico, la figura di Rose che per la prima volta mostra una totale mancanza di fiducia nel Dottore.
Per tutta la durata della puntata, Rose è in preda all'ansia per le sorti di Ten. In fondo, lui è cambiato completamente, si è rigenerato, e l'ha lasciata a prendersi cura di lui senza darle nessuna spiegazione. Si sente tradita dal suo cambiamento improvviso, è confusa e arrabbiata, e soprattutto preoccupata dal non sapere se a cambiare sia stato solo il volto, o l'intera persona. La sensazione più bruciante è quella di aver perso il rapporto che aveva costruito con tanta fatica, quel rapporto fatto di complicità e amore taciuto che l'aveva legata così profondamente a Nine. È l'insicurezza della sua posizione, più che la salute effettiva del Dottore, che la preoccupa. In questo Rose è profondamente umana e comprensibile, anche se in un primo momento risulta solo una ragazzina petulante e lagnosa.
Se n'è andato. Il Dottore se n'è andato. Mi ha lasciato, mamma. Mi ha lasciato...”
Ancora una volta, Rose è la voce degli spettatori, di quella parte che ha cominciato da poco a correre con il Dottore e non ha familiarità con i meccanismi della rigenerazione – ma anche di tutti gli altri. Come si è già detto, non si esce mai davvero dai traumi della rigenerazione, e ogni Dottore che abbiamo conosciuto e amato non ci lascia mai davvero.
Nine se n'è andato all'improvviso, in un modo talmente repentino che è difficile rendersi conto in un primo momento di cosa sia davvero successo. Ci ha lasciato la sensazione di essere stata una persona straordinaria, di quelle che ci sarebbe piaciuto conoscere meglio, ma che ricorderemo sempre con un misto di affetto e nostalgia.
Ma Ten entra nelle nostre vite in modo spettacolare, e ha il sorriso dell'uomo che abbiamo sempre sognato di incontrare. Il sorriso dell'amore della tua vita. Il sorriso di chi sa che sconvolgerà per sempre il tuo mondo, e non gli dispiace neanche un po'.
Persino Rose non sa dire di no a questo nuovo Dottore, nonostante il lieve imbarazzo che c'è tra loro. Ten non sa se Rose voglia ancora viaggiare con lui dal momento che è cambiato, e per lo stesso motivo la ragazza non è sicura che lui la voglia ancora come compagna. Ma basta poco per rassicurare Rose, e rassicurare tutti noi, sul fatto che Ten è ancora il Dottore, il nostro Dottore. Prende la mano di Rose e guarda le stelle con un sorriso nuovo ma lo stesso, vecchio sguardo incantato che abbiamo imparato ad amare.
I guai sono solo le briciole! È tutto lì che aspetta, Jackie... ed è tutto nuovo, per me. Tutti quei pianeti, tutte quelle creature, e quegli orizzonti... Io non li ho ancora visti. Non con questi occhi. E sono convinto che sarà... Fantastico.”
Ne siamo convinti anche noi, Dottore.

E continuiamo a correre.


Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...