sabato 18 aprile 2015

Vikings: 1 x 01 Riti di passaggio


Baltico Orientale, 793 d.C. La scena si apre su un campo di battaglia barbarico sotto un cielo grigio di tempesta imminente. Due fratelli vichinghi si battono ferocemente con gli occhi iniettati di sangue. Le spade incrociano le asce da guerra fino al momento in cui l'inferno della battaglia lascia il posto alla pace dei vinti, cosicché questi ultimi possano salire in cielo nel regno di Odino.
Tornati al villaggio, i due fratelli avranno nuovamente a che fare con la dispotica politica del Conte che governa incontrastato nel territorio. I vichinghi vivono di guerra e razzie, una necessità che prevede viaggi di conquista in terre inesplorate, e richiede di conseguenza un grandissimo spirito d'avventura. 
Ma per Ragnarr Loðbrók l'avventura sembra essere finita: il Conte pensa ormai esclusivamente alla propria ricchezza, esercita il potere senza compiere alcun servizio nei confronti dei sudditi, e anzi approfitta in linea sempre maggiore del suo ruolo di comando. 
Le razzie nelle terre dell'Est sono diventate ormai una passeggiata di salute e non fruttano molti ricavi, oltre ad essere prive di qualsiasi novità o rischio. Ragnarr vorrebbe andare nelle terre inesplorate dell'Ovest, perché l'istinto da guerriero gli suggerisce che laddove aumentano i rischi e i pericoli si centuplicano i bottini e gli onori. Alla fine lo scontro con il potere del Conte si farà rovente: un suddito che non si accontenta di avere le briciole diventa un pericolo per chi si vuole tenere tutta la pagnotta. 
"Riti di passaggio" è il preambolo di un'avventura verso terre sconosciute, e basta guardare il fuoco ardere negli occhi di Ragnarr Loðbrók per avere ben chiara la consapevolezza che nelle prossime puntate ci sarà da divertirsi.


Jeff Leboffe

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...