martedì 21 aprile 2015

Vikings: 1 x 02 L'ira degli Uomini del Nord

Vikings History Channel

Alla faccia del dispotico Conte, alcuni vichinghi si riuniscono di notte per decidere di salpare verso lo sconosciuto Ovest capitanati da Ragnarr Loðbrók, l'uomo destinato a diventare leggenda. Ma attenzione: nonostante sia lui, di fatto, a comandare la spedizione, è bene ribadire sin dall'inizio che nel gruppo di razziatori ognuno varrà quanto l'altro, ed è bene ribadirlo soprattutto a Rollo, il fratello di Ragnarr, che non vuole assolutamente essere da meno sebbene non goda delle stesse virtù di colui con cui ha condiviso l'infanzia. 
In "L'ira degli uomini del Nord" emergono i lati oscuri di Rollo, che in effetti sono tanti, forse troppi. Diviene immediatamente chiaro che in futuro quel ragazzo invidioso e ambizioso darà del filo da torcere al suo consanguineo. Rollo è come un terremoto pronto ad accendersi e a far crollare tutto da un momento all'altro. Una pentola a pressione pronta ad esplodere sotto ai piedi dei Normanni, una bomba che ogni giorno che passa carica ed accumula il suo potenziale esplosivo. Lo vediamo soprattutto quando violenta una serva all'insaputa degli altri. Violentare un'altra vichinga è un reato punibile con la morte. Diverso è il discorso per le serve catturate in battaglia, ma da punto di vista storico pare funzionasse così.
In questa seconda  puntata emerge anche la vera pericolosità e malvagità del Conte, una volta saggio e benevolo finché degli assassini ancora ignoti non gli hanno trucidato i due figli maschi tagliando loro la testa e gettandoli in una fossa. Da quel giorno, per il Conte, ogni male compiuto non è più nulla in confronto a quello subito da lui e dalla sua famiglia. Ciò nonostante, è evidente il rispetto che egli nutre verso Ragnarr Loðbrók, perché rappresenta il grande guerriero che lui è stato un tempo. Peccato che il ragazzo debba essere eliminato, con ogni mezzo consentito e non consentito.
La cultura Vichinga è molto violenta e sprizza virilità da ogni anfratto, persino le donne sono le benvenute nei combattimenti di guerra. C'è a tal proposito una scena davvero indimenticabile che caratterizza il secondo episodio, e si tratta del combattimento casalingo tra Ragnarr Loðbrók e la sua bellissima moglie, una "Valchiria" che vuole salpare con lui verso le terre dell'Ovest per combattere e saccheggiare. Quando il marito le dice di stare a casa con i bambini, lei per poco non lo ammazza. E' così che si vogliono bene i vichinghi, e noi li apprezziamo per quello che sono. Paese che vai, cultura che trovi. 
Intanto la barca che è stata commissionata in segreto a Floki, una specie di scienziato pazzo che si discosta leggermente dal vichingo modello, è stata completata. Floki è smilzo ed atletico, ha una barba sottile quai inesistente e non sembra capace di combattere come gli altri compagni, che invece sono grandi, grossi e barbuti. La sicurezza nei suoi occhi invita però a non farsi ingannare dalle apparenze. Floki ha una velocità fisica e mentale che gli altri non hanno, e lo si vedrà presto in battaglia. 
Ragnarr sa scegliere bene i suoi alleati. E li sceglierà bene anche al ritorno dalle terre dell'Ovest, dove la spedizione clandestina da lui capitanata tenterà di arrivare grazie ad un nuovo e segreto sistema di navigazione. A casa, però, bisognerà fare i conti col Conte.

Jeff Leboffe

GUARDA LA PARTE PRECEDENTE: 1x01 RITI DI PASSAGGIO

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...