venerdì 19 giugno 2015

425 milioni di anni fa il primo pentastomida ectoparassita

I pentastomidi, chiamati comunemente vermi-lingua, sono degli artropodi vermiformi che ad oggi formano un gruppetto di circa 140 specie conosciute. Tutti, tranne quattro, parassitano i vertebrati. In alcuni casi possono infestare gli esseri umani ma è meglio non entrare nei dettagli. Il loro ciclo vitale comprende generalmente una fase larvale, che si sviluppa all'interno di un ospite intermedio (pesce o mammifero erbivoro), e una fase di maturazione che avviene nel tratto respiratorio di un ospite terrestre definitivo (rettile, uccello o mammifero). 

© Seamartini Graphics - Fotolia
I fossili dei pentastomidi sono incredibilmente rari e in quelli conservati finora non è rimasta nessuna traccia dell'ospite. La mancata identificazione dei possibili ospiti dei pentastomidi fossili, e di conseguenza la dubbia origine evolutiva del loro ciclo vitale, hanno da sempre alimentato un acceso dibattito fra gli scienziati. 

Una nuova, eccezionale scoperta pubblicata su Current Biology porta alla luce il primo fossile di pentastomidi associati ad un ospite, ritrovato su delle rocce marine e risalente a 425 milioni di anni fa. In questo caso l'ospite è un crostaceo appartenente alla classe degli ostracodi, animaletti marini le cui piccolissime dimensioni oscillano tra gli 0,2 mm e i 30 mm. 

Alcuni pentastomidi del fossile sono situati vicino alle uova all'interno del crostaceo mentre altri, cosa unica fino a questo momento, compaiono all'esterno dell'ospite. Considerando che i pentastomidi viventi sono endoparassiti, e che finora gli altri fossili non avevano mai messo in dubbio la natura endoparassitaria di questi animali, la scoperta getta le basi per una possibile origine ectoparassitaria dei pentastomidi, che in un lontano passato sarebbero vissuti sulla superficie esterna degli invertebrati marini e, successivamente, nel corso dell'evoluzione, avrebbero seguito i primi vertebrati che colonizzarono la terraferma. 


Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...