mercoledì 29 marzo 2017

Crash: la storia "normale" di una scrittrice fuori dalle righe

Dal 27 marzo è disponibile, per la casa editrice Dunwich, un romanzo che gli stessi editori definiscono "mainstream", forse alludendo al fatto che, nonostante le Edizioni Dunwich siano specializzate in narrativa horror, thriller e mystery, il romanzo appena lanciato in pasto ai loro lettori non rientra in un genere particolare. Crash di Barbara Poscolieri è un romanzo apparentemente normale. In questo caso, però, è l'autrice a essere un po' fuori dalle righe. Come può esserlo, d'altronde, una persona abituata a scrivere prevalentemente storie di fantasy, horror e fantascienza? Quindi non è detto che una storia apparentemente normale come Crash, basata su un pilota che perde le gambe in un incidente di gara, non possa rivelare delle sorprese, almeno da punto di vista stilistico.

Nata a Roma nel 1983, Barbara Poscolieri si è laureata in Medicina e Chirurgia e, dopo aver conseguito la specializzazione in Medicina dello Sport, si è trasferita a Venezia, dove attualmente vive e lavora. Quella per la professione medica è la sua seconda passione, perché al primo posto c’è da sempre la scrittura, con particolare riguardo verso la narrativa dell'immaginario. Nel 2013 ha esordito con il romanzo fantasy Ombra e Magia (GDS Editrice) e negli anni successivi si è dedicata soprattutto al racconto breve, in particolare di genere fantastico. Alcuni racconti sono stati pubblicati all’interno di antologie: Poscolieri è presente con il racconto "Turno Festivo" nell’antologia 365 racconti di Natale (Delos), con "Campione" nell’antologia Ossessioni (Èscrivere), con i racconti di fantascienza "Vero Inverno" e "Senza orizzonti" nelle antologie Esescifi 2014 ed Esescifi 2015 (Esescifi). Nel 2015 vince il concorso letterario Creep Advisor con il racconto horror dal titolo "Il boia di Roma", presente nell’omonima antologia. Altri racconti sono stati pubblicati sulla rivista aperiodica È-Magazine del forum di scrittura Èscrivere. Crash, vincitore del concorso Dunwich Life, è il suo primo romanzo "mainstream".

Crash narra le vicende di Alessandro Alari, un giovane pilota romano della scuderia Speed-Y, in corsa per il titolo mondiale del Grand Race. Durante il Circuito di Roma rimane vittima di un incidente in cui perde entrambe le gambe. Il mondo dei motori è sconvolto, così come tutte le persone vicine al pilota. Solo Alessandro crede che un ritorno alle gare sia ancora possibile, con o senza gambe. Inizia quindi un percorso di accettazione e di riabilitazione, supportato dalla fidanzata Federica, dai genitori e dagli amici, con l’obiettivo di riguadagnarsi il posto che merita nella vita e in pista. Ma nel frattempo la Speed-Y ha trovato un nuovo pilota e sembra non credere nel suo recupero. La fiducia di Alessandro vacilla, e anche il rapporto con Federica ne risente. Lo sfortunato pilota si rifugia quindi nel suo piccolo paese d’origine, dove ritrova la serenità in una vita semplice. Ma il Grand Race invoca il suo nome e, per quanto Alessandro cerchi di ignorarne il richiamo, le corse restano parte di lui.

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...