sabato 1 luglio 2017

ExoMars entra nella fase "vacanza estiva"


Il Trace Gas Orbiter (TGO) della missione russo-europea ExoMars interrompe fino ad agosto le manovre ravvicinate nell’atmosfera di Marte a causa della congiunzione tra il Sole e il pianeta.

Dopo aver raggiunto il pianeta Marte il 19 ottobre scorso insieme al lander Schiaparelli (schiantato al suolo), la sonda orbitante della missione ExoMars si concede un meritato riposo.

Con Marte dietro al Sole, le comunicazioni con le postazioni di controllo della Terra sono molto difficili, così gli scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno deciso di interrompere le manovre di aerobraking e riportare, quindi, la navicella al sicuro fuori dall’atmosfera marziana.

L’aerobraking è una manovra già tentata con successo durante le operazioni finali della sonda ESA Venus Express. Eseguire l’aerobraking significa sfruttare la resistenza dell’atmosfera di un pianeta per diminuire la velocità di volo e scendere di quota, risparmiando così un notevole quantitativo di carburante e studiando il pianeta e la sua atmosfera da vicino.

Anche se si tratta di una manovra collaudata, l’aerobraking resta comunque molto delicata perché gli effetti dell’atmosfera sulla navicella, se non tenuti strettamente sotto controllo, possono danneggiare il TGO, soprattutto in un’atmosfera altamente variabile e imprevedibile come quella di Marte.

La necessità di tenere la sonda entro un certo limite di quota per motivi di resistenza termica e stabilità aerodinamica ha obbligato i tecnici dell’ESA a mandare la sonda in “vacanza” fuori dall’atmosfera fino a quando sarà possibile ripristinare un adeguato controllo terrestre, cioè fino alla fine di agosto, quando la congiunzione tra Marte e il Sole sarà conclusa.
 Via Fly orbit News

Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...