venerdì 18 maggio 2018

Howard Phillips Lovecraft: Tutti i racconti (1931-1936)



La storica raccolta in quattro volumi della narrativa completa di Howard Phillips Lovecraft   ora venduta in un solo volume  si conclude con il libro che include i racconti scritti di suo pugno o in collaborazione o revisione e pubblicati tra il 1931 e il 1936. 

Tra tutte le opere del libro la fa da padrone il racconto lungo  spesso venduto come libro a sé stante  dal titolo "Le montagne della follia", una terrificante avventura tra i ghiacci, capace letteralmente di togliere il respiro, che trae dichiarata ispirazione dal libro Le avventure di Gordon Pym di Edgar Allan Poe.

Tutti i racconti (1931-1936) precede, in ordine:Tutti i racconti (1897-1922), (1923-1926), e (1927-1930). Tranne qualche eccezione, come appunto "Le montagne della follia", ma anche "La maschera di Innsmouth" e "La casa delle streghe", i racconti scritti interamente da Lovecraft nell'ultimo periodo della sua vita non brillano con la stessa frequenza di quelli che figurano nei volumi precedenti. 

Leggi l'intervista ad Howard Phillips Lovecraft

Secondo quanto si apprende dalle introduzioni del curatore ad ogni storia, sembrerebbe che all'inizio degli anni Trenta lo scrittore fosse convinto di aver esaurito la propria carica creativa, tanto che si diede in larga parte a realizzare racconti in collaborazione. Questi costituiscono una grossa fetta del volume 1931-1936, e a essere onesti sono mediamente più coinvolgenti di quelli scritti individualmente dall'autore nello stesso periodo storico.


Tra i racconti prodotti in collaborazione ci sono veri e propri capolavori come "Attraverso le porte della Chiave d'Argento", parte conclusiva del ciclo  se vogliamo chiamarlo così  di Randolph Carter, che si può leggere interamente nell'assai ben curato libro Il guardiano dei sogni: le avventure di Randolph Carter.

Tante sarebbero le considerazioni su Howard Phillips Lovecraft, ma elencarle tutte esula dalle competenze di questo blog. Volendo trovare un elemento in comune tra tutte le opere dello scrittore, possiamo senz'altro affermare che esse sono molto spesso caratterizzate da personaggi che si mettono nei guai perché attratti dall'ignoto e dalla curiosità, a volte in maniera febbrile.

Anche nel caso in cui la minaccia incomba chiaramente all'orizzonte, i personaggi di Lovecraft si lanciano per loro stessa ammissione verso l'ignoto, pur mettendo in conto la pericolosità delle loro gesta.

Ecco un estratto da "La casa delle streghe", uno dei racconti più famosi di Lovecraft, dal quale è stato tratto anche l'omonimo episodio della pur non eccelsa serie tv Masters of horror:
Gilman si era fatto un'idea abbastanza precisa della vecchia Keziah, e quando aveva saputo che la casa in cui aveva abitato era ancora in piedi dopo oltre duecentotrent'anni, un brivido gli era corso lungo la schiena. Ciò nonostante – e pur avendo sentito bisbigliare della perdurante presenza della strega nel decrepito edificio e nei vicoli adiacenti, di segni irregolari di denti umani sul collo di chi aveva dormito  in quella e in altre vecchie case, degli inspiegabili pianti di bambini uditi a Calendimaggio e Ognissanti, del fetore che talvolta sembrava provenire dalla vecchia soffitta, e della bestiola pelosa e dai denti aguzzi che a volte annusava la gente addormentata nelle ore livide che precedono l'alba  nonostante avesse udito tutto ciò Walter Gilman aveva deciso di prendere alloggio a ogni costo nella Casa della Strega. [...] Gilman non sapeva esattamente cosa si aspettasse di trovarvi; sapeva solo che voleva alloggiare nella stessa casa in cui ignote circostanze parevano aver dischiuso a una povera vecchia del diciassettesimo secolo verità matematiche che superavano le più antiche ipotesi di Planck, Heisenberg, Einstein e de Sitter.
Howard Phillips Lovecraft (Providence, USA, 1890-1937) è uno scrittore che ha segnato la storia della narrativa horror e fantascientifica all'inizio del secolo scorso. I suoi racconti sull'orrore cosmico, e non solo, hanno segnato e continuano a segnare intere generazioni di lettori e scrittori, di ogni sesso ed età. Fu anche autore di saggi sulla narrativa fantastica, come per esempio quelli raccolti nei libri In Difesa di Dagon e altri saggi sul fantastico e Teoria dell'orrore, i cui contenuti si sovrappongono.


Nessun commento:

Posta un commento

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...