venerdì 24 marzo 2017

Siamo ancora in tempo per salvare il pianeta. Il 25 marzo è l'Ora della Terra


Non solo Unione Europea, con le celebrazioni del 60° anniversario dei Trattati di Roma. Sabato 25 marzo 2017 è anche l'Ora della Terra, la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di sensibilizzare il mondo sul cambiamento climatico e sugli sconvolgimenti ambientali che questo comporta. 

Sulla pagina facebook dell'evento, una clip di fantascienza a cura di Fabio Salvati e Armando Basso riesce laddove spesso falliscono gli appelli e i dati scientifici. Il messaggio è chiaro: siamo ancora in tempo per salvare un pianeta che, fino a prova contraria, è ancora l'unico in grado di ospitare la vita.


In Italia, Quest’anno sono oltre 400 i comuni che hanno aderito all'Ora della Terra: centinaia di palazzi istituzionali, edifici e monumenti verranno spenti per un’ora, dalle 20:30 alle 21:30.

A Roma ci sarà l’evento principale presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, ma in quello stesso momento, altri monumenti iconici del nostro Paese verranno spenti. Sempre a Roma, a luci spente per il pianeta, ci saranno anche il Colosseo e la Basilica di San Pietro. A Torino, sarà la Mole Antonelliana ad essere spenta, mentre a Verona sarà spenta l’Arena, e a Venezia la suggestiva Piazza San Marco.

giovedì 23 marzo 2017

Tornano “Le Cronache di Ambra” di Roger Zelazny


«A grande richiesta e per la prima volta in edizione digitale, torna disponibile la saga de Le Cronache di Ambra di Roger Zelazny. Vincitore di tre Premi Nebula e sei Premi Hugo, con i suoi libri Roger Zelazny ha ispirato Il Trono di Spade di George R. R. Martin». Così la casa editrice Fanucci ha annunciato la ristampa di un grande classico della narrativa fantasy. «Lettura fondamentale per ogni appassionato di letteratura fantasy, con oltre 15 milioni di copie vendute nel mondo, la serie deve il suo nome ad Ambra, l’unico mondo reale. Gli altri, Terra compresa, sono solo ombre. Qui è in atto l’eterna lotta tra Bene e Male, Ordine e Caos, Luce e tenebre, e i Principi di Ambra possono passare attraverso i mondi e sperimentare la vita in altre realtà».

I primi cinque volumi della saga sono disponibili dal 16 marzo. La saga completa consiste di due cicli da cinque volumi ciascuno, pubblicati tra i primi anni Settanta e i primi anni Novanta.


Il primo ciclo delle Cronache di Ambra (Ciclo di Corwin) 

Nove principi in Ambra 
Le armi di Avalon
Il segno dell’unicorno 
La mano di Oberon 
Le Corti del Caos 


Il secondo ciclo delle Cronache di Ambra

Ritorno ad Ambra
Il sangue di Ambra 
Il segno del caos 
Il cavaliere delle ombre
Il principe del caos 


Le nuove copertine del Ciclo di Corwin

   

 

mercoledì 22 marzo 2017

I gladiatori cibernetici di MaXalla e Moreno Pavanello


Gladiator Kibernetes è il primo racconto di un progetto letterario in ebook chiamato Ucrònia. L'ucronìa, per chi non lo sapesse, è un mondo sviluppato in un contesto di storia alternativa, dove personalità e civiltà della storia si sviluppano in modo diverso da quello che ci hanno insegnato a scuola. Così, può capitare che i nazisti vincano la Seconda Guerra Mondiale o che, come in Gladiator Kibernetes, appunto, nel 1200 esista ancora l'Impero Romano d'Occidente, naturalmente diverso da come lo conosciamo, molto più sviluppato nella tecnica al punto da realizzare gladiatori cibernetici da far combattere nelle arene con i mongoli di Gengis Khan.

Il progetto Ucrònia si pone dunque l'obiettivo di regalare mondi diversi da quelli che conosciamo arricchendoli con trovate come i gladiatori cibernetici, soldati geneticamente modificati, navi-montagna, pietre viventi, città nel cielo e continenti ancora da scoprire. Il secondo capitolo si intitola Montagne spinte dal vento e narra le vicende di un popolo vichingo che, minacciato dall'Impero Romano del 1200, si rifugia in mare a bordo di mastodontiche navi grandi come montagne. Gli altri capitoli hanno come protagonista il popolo Maya dotato di astronavi (Pietra e sangue) e il popolo giapponese che ha colonizzato il cielo con vere e proprie città fluttuanti (Giardini oltre le nuvole). Tutti i capitoli si possono leggere separatamente ma si ambientano nello stesso mondo e nello stesso periodo ucronici, vale a dire in un 1200 alternativo. MaXalla scrive sempre un pezzo di approfondimento, mentre il cuore delle storie è affidato a Moreno Pavanello.

I racconti ucronici, o di storia alternativa che dir si voglia, sono assai delicati. Si reggono su un precario equilibrio tra conoscenze storiche e costruzione narrativa. Il lettore va guidato nella narrazione molto più che in altre circostanze perché potrebbe non conoscere le personalità o le civiltà della storia, ma anche e soprattutto perché ogni tentativo di riscrivere la Storia può indurre uno spaesamento. Per evitare questo rischio, cioè il rischio di perdere i lettori per strada, forse sarebbe meglio dare ai racconti un più ampio respiro, sia per approfondire meglio il mondo e i personaggi descritti, eliminando qualsiasi possibilità di incomprensione o di ambiguità, sia per dare il tempo a chi legge di metabolizzare una storia alternativa che, forse inconsciamente, può risultare inconcepibile. Questo spaesamento si percepisce un poco nella lettura di Gladiator Kibernetes, degno primo capitolo di un progetto interessante che meriterebbe qualche piccolo accorgimento per garantire il massimo coinvolgimento dei lettori e le lettrici che avranno la curiosità di leggere la piccola saga.

sharethis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...